In viaggio con le favole

 

In questa parte del sito avrete l'opportunità di conoscere luoghi ed eventi legati alle favole, in modo che questi possano diventare occasione, durante i vostri viaggi, di piacevoli intermezzi sia per i più piccini che per gli adulti. Se conoscete parchi letterari, manifestazioni, parchi a tema sulle favole o sull'immaginario legato alle fiabe,vi invitiamo ad inviarci gli indirizzi a      

  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 

A Gropparello(PC) si visita il Castello di Gropparello con il parco delle fiabe; primo parco emotivo d'Italia.In un percorso guidato all'interno del parco i bambini incontrano maghi, elfi,pellegrini,folletti e anche streghe che li accompagnano a vivere una fiaba fantasiosa e a tratti anche un po' paurosa. Un cavaliere esperto addestrerà i bambini che con grande coraggio affronteranno l'orco e la strega in una temeraria avventura.

www.castellodigropparello.it

 

A Collodi(PT) si può trovare il Parco di Pinocchio insieme alla spettacolare Batterfly House.

www.pinocchio.it

 

A Borghetto d'Arroscia(IM) c'è il Parco delle Favole dove fare percorsi magici tra alberi,fiori e favole.

www.parcodellefavole.it

 

Ad Omegna(VB) c'è il Parco della fantasia ispirato alle favole di Gianni Rodari. Il parco della fantasia è un luogo particolare, pieno di magia,dove i laboratori all'aria aperta permettono di giocare con la creatività e la fantasia.

www.rodariparcofantasia.it

 

A Bagno di Romagna( Forlì) si aggirano degli gnomi per i sentieri del Bosco dell'Armina.

Bosco dell'Armina  

ALLA SCOPERTA DEGLI GNOMI…”

Passeggiando nel bosco dell’Armina…


In quel di Bagno di Romagna, nel bosco dell'Armina, lungo il magico sentiero degli gnomi, non è difficile scorgere tra i profumati alberi della sua fitta vegetazione...tracce ben visibili delle strane creature che popolano quelle zone...

Piccoli, buffi, timidi e silenziosi ometti dal cappello rosso a punta, che pesano 300 grammi circa, sono alti 15 cm (senza cappello a punta, ovvio) e registrano un’invidiabile vita media che si aggira intorno ai 250 anni.

Indossano casacche colorate, cinture ai fianchi e stivaletti comodi per poter correre veloci tra l’erba fresca del bosco.

La loro barba lunga e bianca, quel colorito rubino e quell’addome un tantino gonfio da sani buongustai, li rendono terribilmente simpatici.


Creature divertenti senza essere chiassose, riservate e timide senza diventare schive, buone ed altruiste ma non per questo deboli…


Gli gnomi amano e rispettano la natura e tutti i suoi numerosi altri abitanti...nel bosco dell’Armina, con un pizzico di attenzione, ne puoi intravedere tanti, in cima alle colline, nascosti dietro un faggio, o fermi ad abbeverarsi alla fonte…

Ci sono luoghi che non scegli tu ma da cui vieni, per qualche strana ragione o coincidenza, scelto; esistono strade che non decidi tu di percorrere ma da cui sei percorso.

 

Sono i posti dell’anima.

 

Il Bosco dell’Armina con il suo sentiero degli gnomi è uno di quei posti se lo si sa davvero vedere con gli occhi del bambino che vive ancora, indubbiamente, in tutti noi.


 

Nel paese di Vernante (CN), passeggiando, si possono ammirare splendidi murales sulla favola di Pinocchio dipinti sui muri delle case da Bruno Carlet e Meo Cavallera. 

 

A Gabicce Mare in provincia di Pesaro Urbino è tutta da scoprire la Casetta di marzapane .

 

 

Nella Valle di Tures c'è il Regno del Presepe

 

Ce ne sono tantissimi, provengono da tutto il mondo, e dall’arte di sapienti scultori e artisti. Sono i presepi del Maranatha di Lutago, nella Valle di Tures e Aurina (BZ).

 

È un laboratorio di scultura in continuo fermento l’Area Vacanze Valle di Tures e Aurina (BZ), nella zona più settentrionale dell’Alto Adige, tra le Dolomiti e le Alpi dello Zillertal. L’arte dell’intaglio fa parte dell’identità più originale di questo angolo di territorio che a Lutago ospita la più grande esposizione di presepi di tutta Europa. Il Maranatha – si chiama così, prendendo spunto dalla parola aramaica che significa “Vieni Signore Gesù” – è un eclettico museo ricco di opere e lavorazioni di ogni tipo e cultura, provenienti da diversi Paesi del mondo.

Il Giardino degli scultori.

È un’area esterna di 1.300 m2 , dove c’è una fontana con figure grezze e altre forme più moderne in pietra e marmo. Circondano la mostra, in cui spicca un tronco d’albero secolare di oltre 500 anni. Volti di streghe e diavoli dalle espressioni spaventose fanno parte della collezione di sculture di maschere, chiamate secondo il gergo popolare “larve”, alcune usate per il tradizionale gioco di San Nicolò.

Atelier.

Mini presepi provenienti anche da esposizioni internazionali si trovano nell’atelier Modern Art. Invece nell’atelier degli artisti si possono osservare miniature di oggetti della cultura contadina, di uso quotidiano, utensili per la scultura o per la casa. In questi spazi spesso lavora uno degli scultori più conosciuti della Valle di Tures e Aurina, Lukas Troi, che si può incontrare mentre si diletta in attività di restauro o mentre si adopera in progetti scultorei. Nell’atelier, inoltre, ci sono mostre e si tengono corsi di scultura creativa.

Gli inventori.

Il museo Maranatha di Lutargo è stato ideato dalla famiglia Gartner. Nel corso degli anni – è stato inaugurato nel 2000 – è stato ampliato con tantissimi presepi antichi e moderni, grazie al lavoro ingegnoso di artisti e costruttori, che hanno realizzato opere, scenari e sfondi di varie forme e materiali. Paul Gartner, aiutato dal musicista Hubert Leimegger, fa spesso da guida ai visitatori del museo, che possono scoprirne la storia grazie ad un film proiettato all’entrata.

La sala d’ingresso.

Colpisce, tra gli altri, nella sala d’ingresso, il grande presepe orientale del re,  la ricostruzione di un Stadel tirolese con il legno di un maso del 1725, la rappresentazione del Castello di Tures composto da Maria Hofer di Predoi come un presepe di cavalieri, il presepe degli usi e costumi della Valle Aurina, i cui piccoli edifici sono stati costruiti per 20 anni da Alfons Hofer di Prettau. La nascita di Gesù ideata da Egon Oberkofler è un altro pezzo d’artista da non perdere. Ci sono poi i contributi dati con maestria da pittori tedeschi, austriaci e sudtirolesi: Albert Abfalterer ha dipinto un acquerello di 10 metri, per esempio.

L’Aureola.

Dal 2009 c’è una stanza dai soffitti decorati, chiamata per questo l’Aureola. Accoglie numerosi presepi antichi e particolari, tra cui quello annuale dell’Associazione presepi di Cadipietra, un presepe russo, un altro fatto di Swarovski, una piramide natalizia dei Monti Metalliferi, i Re Magi intagliati, una vecchia rappresentazione della natività napoletana. In un corridoio tra il piano terra e l’interrato sono offerti allo sguardo dei visitatori presepi in miniatura. Mentre nel piano interrato ce n’è un altro a grandezza naturale. Continuando fino al locale che sembra una cappella, si incontrano presepi di oltre 300 anni. Si raggiunge poi una stube gotica del 1560, dove si organizzano manifestazioni e serate a tema.

Il museo è aperto fino a Pasqua 2014 e poi dal 2 maggio dal 5 novembre. Gli orari sono: dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12e dalle 14 alle 18, di domenica solo nel pomeriggio dalle 14 alle 1.

 

Maranatha – museo                

I – 39030 Lutago   

Via Rio Bianco 17     Valle Aurina – BZ

Tel. &. Fax: 0474 671 682                   www.krippenmuseum.com

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.